Il composto fenolico è un tipo di legno ma il legno è un materiale diffuso e versatile che può essere reperito in diverse forme:

  • legno massello: di particolare pregio estratto da un solo tipo di albero per questo robusto e durevole;
  • legno lamellare: che unisce diversi tipi di legno per via industriale;
  • il compensato: molto usato in edilizia ed è costituito da vari fogli di legno uniti da particolari colle o resine.

Compensato fenolico

Il composto fenolico è un materiale multistrato molto versatile che viene ottenuto dall’unione di vari strati di legno povero quali acero o betulla tenuti insieme da particolari tipi di colla che lo rendono particolarmente resistente e funzionale in diverse situazioni.

Le tipologie di compensato esistenti sono molteplici ma tutte caratterizzate dalla sovrapposizione di diversi strati di legno, tra questi il compensato fenolico differisce per l’utilizzo del fenolo nella resina che serve a tenere insieme gli strati ottenuta appunto da sintesi chimiche che prevedono i fenoli.

Gli adesivi fenolici sono di norma di un colore scuro che di conseguenza permette di riconoscere i compensati fenolici degli altri tipi di compensato in commercio che generalmente utilizzano collanti a base di urea – formaldeide melaninica meno adatti per un’esposizione agli agenti atmosferici.

Composti fenolici: cosa sono e come utilizzarli

La produzione di compensati è recente nell’industria del legno tanto che la tecnologia ne ha consentito la produzione solo nell’ultimo secolo per l’utilizzo di collanti chimici di recente impiego.

I compensati marini fenolici sono particolarmente indicati per essere utilizzati in ambienti esterni o comunque in situazioni di particolare esposizione agli agenti atmosferici. La composizione risulta essere rigida ma al contempo leggera e resistente facile da lavorare per poter incontrare le differenti esigenze.

I compensati marini vengono principalmente utilizzati in edilizia ma è possibile trovarli nella fabbricazione delle casse da trasporto grazie alla loro caratteristica leggerezza e resistenza. Sono largamente utilizzati anche per la creazione di rivestimenti interni come i controsoffitti migliorando l’acustica dell’ambiente.

I compensati fenolici marini hanno largo impiego anche nella fabbricazione di arredamenti da esterni e per strutture di dimensioni modeste oltre che per gli elementi non a diretto contatto con l’acqua delle imbarcazioni grazie alla loro caratteristica impermeabilità.

Compensato marino caratteristiche  

Le caratteristiche del compensato marino sono innanzitutto il largo utilizzo di questo materiale in ambienti umidi e con un alto tasso di salinità.

Nella scelta del compensato fenolico marino bisogna porre attenzione alle certificazioni che attestino il rispetto della norma UNI EN 13986 per le emissioni di formaldeide. 

Acquistare compensato marino è abbastanza economico in base alle dimensioni di cui si ha bisogno anche se risulta di difficile reperibilità nei negozi fisici, si può per questo procedere all’acquisto presso rivenditori on-line specificializzati che rispettino gli standard minimi per la produzione di questo materiale e l’assenza di sostanze tossiche per l’uomo soprattutto se bisogna utilizzarlo in ambienti chiusi o residenziali.

Molte sono le finiture e le tipologie di compensato marino disponibili che portano a consultare uno specialista per la scelta in base all’uso che se ne deve fare.

Sei interessato ai nostri materiali, i nostri prodotti e vorresti un preventivo?